Complesso Monumentale Vincenziano

Sito di interesse storico, artistico e architettonico.
Via Vergini, 51, Napoli NALunedì apertura alle ore 08:00Domani apertura alle ore 08:00Apertura alle ore 08:00Oggi aperto fino alle ore 13:00Spiacenti, siamo chiusi
Contattaci
Messaggio inviato. Ti risponderemo a breve.
Immagine intestazione per il sito

Aggiornamenti

Pubblicato il giorno 8-nov-2018

La Cappella d'estate era in origine l'antico oratorio o degli ordinandi realizzata nella prima metà del '700. Una semplice aula rettangolare coperta da una finta volta, rifatta negli anni '30. Sulle pareti si allineano due file di stalli lignei, mentre in alto si aprono finestre rettangolari che ...

Ulteriori informazioni
Pubblicato il giorno 8-giu-2018

La Cripta settecentesca, annessa a quella medievale (dove sono visibili le murature medievali del convento dei Crociferi). Oltre a lapidi di alcune nobili famiglie della città di Napoli, qui è sepolta una nobile donna, la settima Duchessa di Sant'Elia, Maria Giuseppa de Brandis Starembergh, Serva...

Ulteriori informazioni
Pubblicato il giorno 26-mag-2018

La Biblioteca Provinciale della Congregazione della Missione di S. Vincenzo de Paoli - Casa dei Vergini in Napoli - dispone di un patrimonio bibliografico costituitosi a partire dal XVII secolo. Oltre ai circa 60.000 volumi a stampa e ad una ricca sezione periodici con numerose testate in corso, ...

Ulteriori informazioni
Pubblicato il giorno 26-mag-2018

Cosa vedere nella Cappella delle Reliquie?
Tantissimo. E' un luogo di interesse storico, artistico e spirituale, da visitare, scoprire e amare. E' uno scrigno di reperti carichi di significato, ma soprattutto è uno dei pochissimi posti al mondo in cui si trovano insieme tante preziosità. Reliquie...

Ulteriori informazioni
Pubblicato il giorno 10-mag-2018

Particolare del dipinto di Francesco De Mura "San Vincenzo in gloria" , altare maggiore chiesa di San Vincenzo de' Paoli del Complesso Vincenziano.

Pubblicato il giorno 17-feb-2018

Questa è la scala di accesso alla cavità-cisterna, nel sottosuolo del nostro complesso monumentale. Viene chiamata dai padri Missionari Vincenziani "scala dello zoppo", per i suoi gradini a zig-zag, ossia con un piede su un rampante e con l'altro piede sull'altro rampante. Tale sistema probabilme...

Ulteriori informazioni
Pubblicato il giorno 4-feb-2018

Il primo prete della Missione a giungere e a Napoli, il 2 marzo 1668, fu Cosimo Galilei, nipote diretto di Galileo Galilei, e fu il primo superiore della Casa Missionaria napoletana. Vieni a trovarci per conoscere la storia di questo intrigante personaggio, studioso di matematica, scienza e astro...

Ulteriori informazioni

Testimonianze

7 mesi fa
Uno spettacolare sito religioso che porta la firma di Luigi Vanvitelli. Ma venire qui è stata la sorpresa delle sorprese, con l'Associazione Getta la rete, siamo entrati in un percorso guidato che ci ha fatto visitare: Cripta dei Vergini (con i resti del convento medievale dei Crociferi), sala dell'Assunta e Refettorio, corridoi e cortile, Chiesa gemella al primo piano detta Cappella d'Estate, poi la luminosissima Chiesa di San Vincenzo De Paoli e infine la ciliegina sulla torta, la bellissima e misteriosa Cappella delle Reliquie, un concentrato di storie e spiritualità da restare senza fiato! Qui vi è custodita nientemeno che la terza ampolla con il sangue "sciolto" di San Gennaro che è il patrono di Napoli. E tra i dipinti di particolare pregio quelli di Santolo Cirillo, Francesco De Mura, Paolo Di Maio e Gerolamo Cenatiempo. Da non perdere assolutamente!
- Partenope F
2 mesi fa
Ricco di storia, cultura, spiritualità e fede
- Antonella R
un anno fa
Una visita affascinante e ricca di sorprese. La chiesa di San Vincenzo de' Paoli all'interno del Complesso è favolosa, con la sua cupola elicoidale e continuamente baciata dalla luce. Non a caso il suo architetto è niente niente che Luigi Vanvitelli... chi lo avrebbe detto mai. Ma non solo, accanto alla chiesa, a cui si accede attraverso un corridoio di pomposa bellezza, vi è la Cappella delle Reliquie, sempre realizzata dal Vanvitelli, che custodisce reliquiari dorati e intagliati con reliquie di santi martiri e non, ma soprattutto è esposta la terza ampolla del sangue di San Gennaro. Un miracolo al borgo vergini sanità. La cripta medioevale e quella settecentesca nel percorso di visita offerto dall'Associazione Getta la rete.
- Mi p

Nel Borgo dei Vergini un tesoro

Il Complesso Monumentale Vincenziano. Uno scrigno di sorprese e di tesori al Borgo dei Vergini.

Questo sito si trova al di fuori dei Decumani, nel centro antico fuori le mura dell’antica città di Neapolis, nel Borgo detto “dei Vergini”.

Terra di necropoli a partire dall'epoca ellenistica.

Ancora in epoca medievale, il borgo divenne sede di ospedali e conventi.

Sulle rovine del Convento dei Padri Crociferi, di fondazione medievale (1334), si insediano nel 1669 i Missionari Vincenziani, giunti a Napoli per volere del Cardinale Innico Caracciolo.

Il primo missionario vincenziano ad arrivare a Napoli fu Cosimo Galilei, nipote diretto di Galileo Galilei.

L’Associazione di promozione sociale Getta la rete, sta curando la valorizzazione dei suoi spazi e dei suoi tesori, perché divengano patrimonio condiviso, capace di promuovere il territorio del Borgo dei Vergini, decaduto nel tempo.

E' possibile prenotare delle visite guidate al Complesso contattando direttamente i numeri indicati nel sito.

Pagina Facebook

Instagram


Contattaci

Contatti

Chiama ora
  • 347 606 5947
  • 346 078 4370

Indirizzo

Indicazioni stradali
Via Vergini, 51
80137 Napoli NA
Italia

Orari di apertura

lun:08:00–13:00
mar:08:00–13:00
mer:08:00–13:00
gio:08:00–13:00
ven:08:00–13:00
sab:Chiuso
dom:Chiuso